Affitti Concordati

Con  il  Decreto  del  Ministero  delle  infrastrutture  e  dei  Trasporti  16.01.2017  pubblicato  sulla Gazzetta Ufficiale n. 62 del 15.03.2017 sono state determinate le linee guida per la definizione dei nuovi accordi locali per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, di cui all'art. 2, comma 3, della legge 431/1988 e s.m.i..

Tale decreto, oltre a contenere i modelli standard dei contratti da utilizzare, prevede che fino all'adozione  degli  accordi basati  sul  nuovo  decreto,  restano  in  vigore  quelli  precedenti  (Art.  7, comma 4 del DM).

Tenuto conto che per il territorio del comune di Arona risulta depositato in data 13.04.2000 un accordo territoriale di cui alla legge 431/1998 e s.m.i., trovano applicazione i dispositivi del Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 14.07.2004, che prevedono che <<Nei comuni nei quali non siano state convocate le organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori ovvero non siano stati definiti gli accordi di cui all'art. 2, comma 3 della legge 9 dicembre 1998, n. 431, in applicazione del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto col Ministro dell'economia e delle finanze, del 30 dicembre 2002, pubblicato sul supplemento ordinario  n. 59 nella Gazzetta Ufficiale dell'11 aprile 2003 - serie generale - n. 85, le fasce di oscillazione dei canoni sono quelle risultanti dagli accordi previgenti già sottoscritti. In tal caso i limiti inferiori e superiori delle fasce di oscillazione dei canoni sono incrementati applicando le variazioni ISTAT dell’indice nazionale dei prezzi a consumo per le famiglie di operai e impiegati intervenute dal mese successivo alla data di sottoscrizione degli accordi, al mese precedente la data di sottoscrizione del nuovo contratto di locazione da stipularsi.>>

Per la determinazione del canone dovuto occorre pertanto, prima della sottoscrizione di qualsiasi nuovo  contratto, aggiornare  i  valori  delle  fasce  di  oscillazione  applicando  le  variazioni  ISTAT intercorse (vedi link https://rivaluta.istat.it/)

Per effettuare il calcolo occorre effettuare la seguente operazione:

[(INDICE MESE FINALE- es. settembre 2017- x coefficiente di raccordo):(INDICE MESE INIZIALE maggio 2000)]-1

Per ulteriori informazioni consultare la pagina: http://www.regione.piemonte.it/edilizia/affittiConcordati.htm

Per conoscere la tipologia della propria area rivolgersi a: Ufficio Patrimonio e Demanio
Tel. 0322-231264 / 0322-231281
email patrimonio@comune.arona.no.it

Allegati: